10 cose che fanno arrabbiare un calabrese a tavola.

1- Peperoncino come se non ci fosse un domani. Prima legge dei comandamenti: “non esiste altra spezia al di fuori del peperoncino”. Il calabrese è tosto. Le altre speziette lasciamole agli altri.

2- Condimenti a tutta forza. Un piatto poco condito per un calabrese è come un cielo senza stelle. Non azzardatevi mai a presentargli un piatto scondito, rischio elevatissimo di incazzature.

3-Feste in piedi. Pura bestemmia. Sareste accusati di blasfemia. Avete programmato un buffet e tra gli invitati ci sono dei calabresi? Si mangia a tavola! solo e solo a tavola!

4-Non finire di mangiare. Primo: al calabrese non piace lo spreco di cibo. Secondo: lasciare nel piatto 100 g di pasta dei 350 g che ti ha servito, potrebbe causarti un calo di zuccheri poco dopo. E nessuno vuole che tu stia male.

5-Dire (anche solo per scherzo) che al nord, invece… La reazione sarà una sola: grasse risate. Pensano che tu stia scherzando e, quando capiscono che dici sul serio, inizieranno a sfotterti senza sosta. Il discorso si chiuderà con un: ma che vuoi mettere spaghetti alla nduja con un risotto alla milanese? Finiscila và! Rassegnati: è una battaglia persa. ↓↓

6-Salumi e buoi… Non provate a regalare ad un calabrese un salume. Più che un’offesa verrebbe accolta come un affronto. Il salume è l’orgoglio calabro. Non toccategli a suppressata nostrana o il capocollo.

7-Le Rosse. Per il calabrese esiste un solo tipo di cipolla: quella rossa di Tropea. Tutto il resto è noia.

8-Pane rovesciato. In Calabria il pane rovesciato a tavola è un segno di sciagura da codice rosso, da pronto intervento del 118. Una roba così grave da chiamare un esorcista. Evitate tale cosa. Sareste accusati di possessione demoniaca.

9-Olio. Ebbene sì, quello calabrese è il migliore del mondo. Il numero uno. L’unico e solo. Tenetelo bene in mente quando parlate con un calabrese. No olio calabrese no party.

10-Non accettare il bis. Se sei ospite in Calabria e non accetti il bis tutti penseranno che qualcosa non va e ci rimarranno male. In Calabria devi chiedere il tris. Forse il quatris. Tutti rimarranno entusiasti.

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; Le immagini presenti negli articoli sono esclusivamente a scopo illustrativo qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, o siano viziate da errore vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.