Bronzi di Riace: tra le opere d’arte più conosciute e apprezzate al mondo.

La storia moderna dei due Bronzi inizia il 16 Agosto del 1972, quando presso la località Porto Forticchio di Riace Marina, furono ritrovate due statue in bronzo.

Dopo il recupero, le statue vennero avviate a un primo restauro, che fu realizzato a tra il 1975 e il 1980 a Firenze presso l’Opificio delle Pietre Dure, uno dei più specializzati laboratori di restauro del mondo.

Un secondo intervento fu portato avanti negli anni 1992-1995, e finalmente concluso nell’ultimo restauro tra gli anni 2010 e 2013.

Le due statue, denominate “A” e “B”, e ribattezzate a Reggio come “il giovane” e “il vecchio”, sono alte rispettivamente 1,98 e 1,97 m, e il loro peso, originariamente di 400 kg, ora è diminuito a circa 160 kg, in virtù della rimozione della terra di fusione.

L’attribuzione odierna, in base ai confronti stilistici oggi possibili, è di datare la “statua A” al 460 a.C.; mentre al periodo classico, e più precisamente al 430 circa a.C., viene datata la “statua B”.

La “statua A” appare di modellato più nervoso e vitale, rappresenta un uomo giovane e forte, completamente nudo e in posizione stante.

La “statua B” ha un aspetto più rilassato e calmo, la struttura e la posizione del corpo ricalcano in tutto quelle della “statua A”. Una lieve differenza si nota nel polso destro, maggiormente flesso rispetto alla prima statua.

Entrambe trasmettono una grande sensazione di potenza, dovuta soprattutto allo scatto delle braccia che si distanziano con vigore dal torso.

Le statue furono con probabilità realizzate ad Atene e da lì furono rimosse per essere portate a Roma, forse destinate alla casa di qualche ricco patrizio.

Ma il battello che le trasportava dovette affondare e il prezioso carico finì sommerso dalla sabbia a circa 8 metri di profondità.

Chi sono i due bronzi di Riace?

Molti studiosi ritengono che possano essere identificati con due atleti oplitodromoi, quelli cioè specializzati nella corsa con le armi.

Più fondata l’ipotesi che possa trattarsi di valorosi guerrieri.

I Bronzi di Riace sono oggi, giustamente, tra le opere d’arte più conosciute e apprezzate al mondo.

Al di là di tutti i misteri ancora irrisolti, essi rappresentano una testimonianza preziosissima dell’antichità, pochissimi sono gli originali greci in bronzo che sono giunti fino a noi e nessuno di questi raggiunge un così alto livello tecnico e stilistico.

Evviva i bronzi, evviva questa terra millenaria che è la Calabria.

 

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; Le immagini presenti negli articoli sono esclusivamente a scopo illustrativo qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, o siano viziate da errore vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.