Campanili, archetti, sacre reliquie e pregevoli decorazioni. In Calabria un Santuario unico.

Le bellezze artistiche di Seminara(Rc) sono molte ma il Santuario della Madonna dei Poveri ne è certamente la chiesa più nota.

Il culto mariano, e in special modo quello della Madonna Nera, è tra i più sentiti nel reggino e richiama ogni anno centinaia di pellegrini da ogni parte del Meridione.

Si narra che la preziosa statua sia stata rinvenuta da due giovani pastorelli tra i cespugli di rovi, malgrado uomini adulti e forti avessero provato a recuperarla, vi riuscirono solo i due giovani che l’avevano rinvenuta per primi.

La Madonna Nera venne perciò detta anche Madonna dei Poveri.

La leggenda ha un elemento di verosimiglianza, in quanto si ipotizza che questa statua possa essere una delle tante che, nei secoli XVI e XVII, i religiosi nascosero per sottrarla alla distruzione certa da parte degli invasori.

La statua è scolpita a tutto tondo e ritrae la Vergine assisa su un trono in argento con il Bambino sulle ginocchia: di epoca barocca a giudicare dall’abbondanza di fregi. ↓

Il Santuario è inoltre di interesse architettonico per i motivi circolari che ornano la facciata, i due campanili a cuspide con caratteristici pennacchi ed il protiro innanzi al portale della navata centrale.

Completano la facciata gli archetti pensili, il rosone centrale ed il timpano a cuspide.

All’interno, nelle tre navate, potrete ammirare le pregevoli decorazioni in marmi policromi e diverse altre opere scultoree.

La statua della Maddalena di fine ‘500, quelle dei Santi Pietro e Paolo dello stesso periodo, così come anche il fonte battesimale in argento.

Segnaliamo anche le sacre reliquie di San Filareto e di Sant’Elia conservate in due reliquari. fonte: mobitaly.it ↓

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; Le immagini presenti negli articoli sono esclusivamente a scopo illustrativo qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, o siano viziate da errore vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.