CHOC AL FUNERALE: LE DUE BARE SONO STATE…

La psichiatra e psicoterapeuta Immacolata D’Errico ha spiegato il dolore che i genitori provano per la morte di un figlio.

“Vivranno in un lutto eterno, perché quello per i figli non è un lutto accettabile essendo legato a un evento innaturale”. “Tutto quello che fanno i genitori dopo la morte di un figlio è una vita falsata e forzata”. Poi la donna si è soffermata sulla figura del padre, che abitava con Giulia e Alessia. ↓

“C’è da sperare che regga il dolore e il peso di quella responsabilità. Quei pugni sulla bara sono segno di grande sofferenza. Si dimenava di continuo. In discoteca poteva succedere qualsiasi cosa, ma se lui fosse stato fuori dalla discoteca, come le altre volte, sarebbe stato diverso. Invece, era la prima volta che le ragazze andavano da sole e in treno”. ↓

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; Le immagini presenti negli articoli sono esclusivamente a scopo illustrativo qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, o siano viziate da errore vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.