Bimbi dell’asilo picchiati sui genitali: condannate 3 suore e la madre superiore. Solo due anni di carcere.

Le quattro religiose prestavano servizio presso una scuola materna in provincia di Caserta.

La vicenda è emersa nel 2018, quando alcuni genitori di bimbi che frequentavano l’Istituto gestito dalle Suore degli Angeli, si sono rivolti alle forze dell’ordine. Le mamme avevano raccontato che i loro figli non andavano più volentieri a scuola, ed avevano anche cambiato umore.

Nell’istituto sono state quindi piazzate alcune telecamere nascoste, come riporta notizie.it. I video e le intercettazioni ambientali hanno evidenziato episodi di maltrattamento nei confronti di cinque bimbi, di un’età compresa tra i tre ed i cinque anni.(continua)

In un periodo tra aprile e maggio 2018 sarebbero stati registrati infatti schiaffi sulla testa e tirate di capelli da parte delle tre suore, ai danni dei piccoli alunni.

I bimbi più irrequieti pare che venissero chiusi per punizione in una stanza buia mentre altri venivano obbligati a mangiare anche il cibo caduto per terra, se facevano i capricci. Alcuni genitori avrebbero poi raccontato che i loro figli erano tornati a casa con i genitali arrossati.

Al termine di un processo con rito abbreviato, le quattro religiose sono state condannate a soli due anni di carcere per maltrattamenti su minori.

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; Le immagini presenti negli articoli sono esclusivamente a scopo illustrativo qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, o siano viziate da errore vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.