Ecco la ricercatrice calabrese che potrebbe ridare l’uso delle gambe ai paralizzati.

Elisabetta Mantuano è una ricercatrice calabrese, cresciuta a Castrolibero, che lavora da 11 anni al Dipartimento di Patologia dell’Università di San Diego.

La ricercatrice è stata, infatti, la prima ricercatrice in grado di mostrare l’importanza di un recettore, il recettore della lipoproteina (LRP1), nella rigenerazione del sistema nervoso periferico.

La lesione del midollo spinale è stata a lungo ritenuta incurabile e sarebbe un sogno – spiega all’Adnkronos – poter trovare una cura per un paralizzato e tornare a farlo camminare. ↓

Dimostrare l’associazione di un recettore con la SLA sarebbe un grande traguardo, perchè darebbe una svolta per lo studio di terapie assenti fino ad oggi per questa malattia.

Il suo studio si è occupato principalmente delle cellule di Schwann.

Cellule che appartengono al sistema nervoso e che hanno una certa capacità di rimanere vive e rigenerarsi;

Tante, sono inoltre, le sue scoperte pubblicate su riviste di fama mondiale come the Journal of Neuroscience. ↓

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; Le immagini presenti negli articoli sono esclusivamente a scopo illustrativo qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, o siano viziate da errore vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.