Torno in Calabria per allevare bachi da seta.

Miriam Pugliese ha origini calabresi: San Floro, 600 anime, provincia di Catanzaro.

Miriam va in Germania, a Berlino. Lavoretti, corsi di lingua, ma il cuore va alla Calabria, alla bellezza del paesaggio e al clima italiano.

Trova un alleato in Domenico Vivino.

Progettano di recuperare l’allevamento dei bachi e la produzione di seta.

Con quel chiodo fisso, Miriam si licenzia e torna in Calabria.

Ci sono 5 ettari di proprietà del Comune, 3mila gelsi e un museo della seta, in un castello, tutti da recuperare. (continua)↓

Con Domenico e un’altra socia, Giovanna Bagnato, artista della ceramica, fonda una cooperativa, Nido di Seta, nel 2013.

La gente non crede in loro.

Miriam e soci vanno avanti. Alla fine, si fanno apprezzare.

Sulla loro seta si inginocchia il Papa, scuole e turisti tornano al museo, per riscoprire la bachicoltura.

Lavorano con tinture naturali, seta grezza, gioielli, sete più fini.

E preparano anche un progetto turistico. Con testardaggine e il gusto delle libertà di fare quello che amano.↓

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; Le immagini presenti negli articoli sono esclusivamente a scopo illustrativo qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, o siano viziate da errore vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.