Ragazzo down chiede un caffè – poi lo choc: dentro c’era urina. Il titolare: “fai pena, meriti di peggio anche”

LOMBARDIA – GLI È STATO SERVITO UN CAFFE’ CON URINA, È QUESTO CIÒ CHE È ACCADUTO IN UN BAR GELATERIA.

Lui è un ragazzo di 21 anni affetto da trisomia 21, per intenderci la sindrome di Down, che insieme ad un amico ha deciso di ripararsi dal caldo e consumare un caffè freddo. Ma da li a poco la risposta del titolare (secondo le prime indiscrezioni completamente ubriaco) ha lasciato sbigottiti i due. ↓

Alla richiesta di un caffè, il titolare si è avvicinato dicendomi: “qui non vogliamo cattiva pubblicità, tu meriti il peggio dalla vita”. Il ragazzo, che ovviamente ha capito tutto, è rimasto malissimo. “Ce ne siamo andati dice l’amico – con una rabbia e un grosso dolore condiviso. Sporgeremo formale denuncia”. ↓

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; Le immagini presenti negli articoli sono esclusivamente a scopo illustrativo qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, o siano viziate da errore vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.