A’mpanata, un’antica e gustosissima colazione preparata dai pastori calabresi.(FOTO)

Un’antica colazione sana e proteica.

Cornetto e Cappuccino certo non comparivano sulla tavola mattutina del contadino o del pastore Calabrese, ma essi potevano contare su una serie di alternative, solo apparentemente più “povere”.

Nelle case, tra i monti e le campagne della nostra Calabria, i pastori che vivono seguendo le greggi sono i depositari di antiche tradizioni e ogni mattina, dopo il pascolo e la mungitura di capre e pecore, ricreano la magia della ‘mpanata.

Un pastore calabrese impegnato nella fase di lavorazione da M’panata

Un cibo sano e proteico che risale ai tempi in cui, fra le cinque e le sei del mattino, i braccianti prima di iniziare l’attività nei campi, si riunivano nei pressi degli ovili per consumare una colazione molto nutriente che permetteva così di affrontare al meglio la dura giornata di lavoro. (continua)

Era il tipico piatto dei pecorai, che essi consumavano prima di’mmiàre, cioè avviare il gregge al pascolo.

A ‘Mpanata era una vera e propria zuppa servita in una coppa di legno.

Si aspettava pazientemente che il pastore togliesse dal “caccavu” prima il formaggio, poi la ricotta.
A questo punto si sbriciolava in una coppa di legno di ontano del pane raffermo e vi si versava sopra il siero per lasciarlo ammorbidire.

Gli attrezzi del casaro

Dopo un po’ si gettava via il siero in eccesso e si distribuiva sul pane inzuppato una ricotta ancora calda rimestando delicatamente con un cucchiaio di legno.

Questa prelibatezza, dolce e gustosa, veniva consumata con cucchiai di legno, attingendo tutti dalla stessa coppa.

Un momento conviviale in cui si deliziava il palato e si ascoltava i racconti e le storie di chi viveva i monti quotidianamente, prima di una faticosa giornata di lavoro.(JoinCalabria) 

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; Le immagini presenti negli articoli sono esclusivamente a scopo illustrativo qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, o siano viziate da errore vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.