Vecchio e antico mestiere di fatica e maestria nella Calabria che resiste.(Foto)

La fiumara era un’importante risorsa per i contadini e anche per la donna calabrese in veste di lavandaia.

La donna faceva prima il prelavaggio a mano col sapone fatto in casa (sapuni i casa).

Successivamente, i panni venivano sistemati secondo cerchi concentrici in un grande cesto nel quale si versava acqua bollente con la cenere che era il detersivo naturale dell’epoca, con proprietà disinfettante.

Questo tipo di bucato prendeva il nome di “LESSIA“.

Il sapone dell’epoca si preparava in casa utilizzando i resti dell’olio d’oliva lampante ad alta acidità (ogliu i murgaru) e dei grassi del maiale (a saimi).

Venivano poi fatte bollire in acqua (nelle coddare) con l’agguinta di soda caustica (a potassa) in opportune percentuali, avveniva così il processo di saponificazione.

Il miscuglio si lasciava raffreddare e dopo la sua solidificazione veniva tagliato con una piccola serra manuale (u serrucciu a manu), in piccoli pezzi per poterlo usare facilmente.

Sembra che questo tipo di sapone veniva utilizzato anche per l’igiene personale, lavare le mani, il corpo e i capelli in quanto molto efficace contro la forfora.

Nei decenni successivi il lavaggio avveniva nei paesi o vicino alle sorgenti, in appositi lavatoi comunali, fino all’avvento della lavatrice.(www.calabresi.net)

 

loading...

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Loading...
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo sito, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori del sito si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti senza preavviso. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi. Alcuni testi o immagini inserite in questo sito sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; Le immagini presenti negli articoli sono esclusivamente a scopo illustrativo qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, o siano viziate da errore vogliate comunicarlo a calabriadasogno@libero.it. Saranno immediatamente rimossi. Gli autori del sito non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.